Perchè non parlo di Cross e Raid

Mi viene chiesto spesso perchè per le quattro ruote parlo un pò di tutto mentre per le due ruote parlo solo quasi di pista e strada, è una domanda ricorrente ma che si intensifica nel periodo della Dakar che identifico come il via della stagione di corse per le auto.

 Tendo invece a trascurarla per quanto riguarda le moto e, anzi, tendo ad identificare come avvio della stagione agonistica motociclistica la gara australiana della Superbike. Questa cosa, assieme alla mia scarsa propensione a parlare di cross, soprattutto ora che c'è il nostro Tony Cairoli, mi ha portato a ricevere vari messaggi, in rari casi, per fortuna, anche poco carini. Qui e lì avevo accennato la cosa ma colgo l'occasione per chiarire una volta per tutte e lo faccio partendo da un affermazione perentoria, raid e cross a due ruote non mi appassionano, punto. Non è una presa di posizione radicale, non sto dicendo che siano delle discipline poco belle o interessanti, e nemmeno che le consideri di seconda categoria, anzi, avendo anche girato con una moto da cross penso siano uno sport molto intenso, duro e di sacrifici. Vi dirò di più, seguendo da sempre la Dakar un occhiata alle cronache ed ai risultati delle moto, così come anche dei camion, l'ho sempre data, come tengo sempre sotto tiro i risultati del Cross, anche da prima di Cairoli. Con Tony poi, e finalmente grazie alle dirette televisive, mi capita anche di guardare le corse di MX1 ed MX2, nonostante tutto questo però non sono mai riuscito ad appassionarmi davvero e questa per me è una discriminante fondamentale. La mia passione per le corse arriva da lontano, soprattutto quella per le auto, me l'ha trasmessa mio padre portandomi in autodromo, e su stradine di montagna per i rally, prima ancora che iniziassi ad andare a scuola, le moto sono arrivate qualche anno dopo ma nemmeno così tanto. All'epoca per me le corse sono diventate un ossessione, mi facevo raccontare da mio padre degli anni 60 e 70, leggevo libri su libri e volevo sapere tutto. Questa attitudine mi è rimasta e la applico ad ogni cosa che mi appassiona cercando di informarmi, vedere, provare ed arrivare ad una buona conoscenza che mi permette poi a sua volta di condividerla con voi. Non mi permetterei mai invece di scrivere di qualcosa di cui ho scarsa conoscenza, di cui non abbia seguito la storia e di cui, soprattutto, potrei scrivere castronerie orrente. Per carità, probabilmente le scrivo lo stesso, ma quantomeno nei casi in cui scrivo mi sento di conoscere abbastanza bene l'argomeno, non è il caso di cross e raid ed è per questo che non ne parlo quasi mai. Chiedo scusa a crossisti ed amanti dei raid a due ruote, ma penso che abbia il diritto di avere dei gusti personali, questo non è un sito specializzato ma solo l'umile sito di un appassionato che esprime i suoi pensieri, non parlare di fuoristrada a due ruote non è mancanza di rispetto, anzi, ma solo mancanza di passione.

P.S. Per dovere di cronaca la Dakar è stata vinta per la quinta volta da Marc Coma su KTM, per la marca austriaca è la 14 vittoria alla Dakar, per di più consecutiva, nessuno ha fatto meglio, in nessuna categoria, solo la Yamaha si permette di starle davanti, per vittorie totali, sommando però le vittorie nelle moto con quelle tra i quad in cui finora non ha mai perso. 

INFORMATIVA

Questo sito NON fa uso di cookies di profilazione, ma utilizza cookies di terze parti (social share e google analytics).
Cliccando su “accedi al sito” si presta il consenso all’utilizzo dei cookies di terze parti.