The Astronaut Wives Club

Si è conclusa la serie, in dieci episodi, The Astronaut Wives Club e vi consiglio di aspettare a leggere il mio articolo, correre a vederela e solo successivamente riprendere in mano questa pagina. Non fermatevi al pilot e guardate tutti e dieci gli episodi perchè meritano davvero, vi spiego perchè. Mi raccomando, se decidete di proseguire, attenzione agli spoiler che potrebbero esserci, siete avvisati!

Avete presente quando si dice che un libro non va giudicato dalla copertina? The Astronaut Wives Club è l'esempio che anche le serie non sempre possono essere giudicate solo dal Pilot. Questa serie ha infatti avuto un avvio travagliato, in origine doveva parlare solo del progetto Mercury, i primissimi voli in orbita americani, e doveva uscire lo scorso anno, è stata poi rimandata a questa estate decidendo di raccontare la storia delle "astromogli" fino al progetto Apollo ed allo sbarco sulla luna.
Probabilmente a causa di tutto questo il pilot risulta convulso e confusionario, con veloci salti in avanti nel tempo e con un estrema difficoltà nel capire i tanti protagonisti che appaiono anche poco approfonditi. Il problema è che si è dovuto correre per far rientrare tutto e che inizialmente la serie doveva concentrarsi solo sulle sette mogli dei primi astronauti ma si è poi deciso di parlare anche dei mariti, insomma un enorme patchwork alla Frankestin difficile da guardare e da capire.
Nelle successive nove puntate ci troveremo però a vedere una serie bellissima, ben scritta, altrettanto ben girata e con delle ottime interpretazioni. E' difficile da spiegare perchè molti si sono fatti l'idea di una sorta di Desperate Housewife ambientata negli anni sessanta, ed invece questa The Astronaut Wives Club è molto molto di più, ci porterà all'interno di tutto il percorso spaziale americano, dagli inizi allo sbarco sulla luna, vissuto dal punto di vista delle mogli degli astronauti. Non commettete l'errore di liquidarla per una serie per casalinghe annoiate, non lo è, The Astronaut Wives Club una serie che ripercorre un periodo storico facendo vedere come queste donne, ed i loro mariti, hanno vissuto i momenti salienti, compreso l'assassinio di Kennedy, e lo fa in modo leggero ma anche con tanto tanto cuore.
The Astronaut Wives Club ha la capacita in pochi episodi di farvi affezionare visceralmente ai personaggi e non importa che siano così tanti, in breve vi troverete a vivere la storia dall'interno come se foste anche voi parte di questa enorme famiglia allargata. Farete il tifo per loro, verserete qualche lacrima quando uno di loro morirà ed in generale assisterete ad un racconto bello ed interessante.
La serie per altro si permette anche di toccare tematiche importanti, soprattutto per quei tempi, come ad esempio la discriminazione raziale od il disonore del divorzio, sempre con tocco delicato ma con la giusta enfasi.
Ho detto che la serie ha cuore ed il merito è anche delle attrici, ed attori, che interpretano i protagonisti, soprattutto i quattordici delle sette famiglie iniziali, nel procedere degli episodi il mio personaggio preferito è cambiato più volte ed alla fine mi sono reso conto di amarli tutti, ognuno di loro ha i propri difetti e le proprie incongruenze ma, come in un gruppo di amici, alla fine ci si affeziona a tutti.
Se proprio devo fare un nome mi viene naturale citare Betty Grissom, interpretata da JoAnna Garcia Swisher, perchè riesce ad alternare momenti di dolcezza, soprattutto col marito Gus, a temperamento da vera leader quando si batte per i propri diritti, ma è comunque sbagliato nei confronti delle altre perchè a funzionare è il gruppo ed alla fine se ne rende conto anche la schiva Louise.
Chiudo dicendovi, se non l'aveste ancora fatto, di guardare questa serie perchè vale davvero le circa otto ore di visione, personalmente la colloco nella top ten delle mie serie preferite!

INFORMATIVA

Questo sito NON fa uso di cookies di profilazione, ma utilizza cookies di terze parti (social share e google analytics).
Cliccando su “accedi al sito” si presta il consenso all’utilizzo dei cookies di terze parti.