Sleepy Hollow stagione 2

Si è conclusa la seconda stagione della serie tv Sleepy Hollow, vi racconto come l'ho trovata. Se non l'aveste vista vi anticipo che continuo a trovare questo show interessante anche se alcune scelte mi sono sembrate discutibili. Mi raccomando, se decidete di proseguire, attenzione agli spoiler che potrebbero esserci, siete avvisati!

Mettiamo subito un punto chiaro, le serie come Sleepy Hollow devono piacere, sono particolari e per certi versi bisogna prenderle per quello che sono senza discutere troppo alcuni dettagli, ho letto in giro critiche per alcune forzature storiche o incorrettezze sulle mitologie e sulla magia, io le trovo cose da puristi e inutili nel giudicare una serie tv. Sia chiaro non ho niente contro i puristi, in alcuni campi lo sono anch'io, e molto, ma secondo me servono i giusti metri di misura altrimenti le nostre manie diventano fini a se stesse. Faccio un esempio per spiegarmi, da appassionato di corse criticherei moltissimo un modellino di un auto da Formula Uno con un adesivo sbagliato, allo stesso tempo però un adesivo sbagliato sulla stessa auto all'interno di un film, pur considerandolo un errore, non cambierebbe la mia opinione sulla pellicola. Questo ovviamente sempre che gli errori non siano talmente tanti, e grossolani, da partorire una porcheria come, per rimanere in tema, Driven.
Non è il caso di Sleepy Hollow e, finita la premessa, posso dire che continuo a trovare questa serie affascinante, coinvolgente e molto ben fatta, sotto molti aspetti. Tutto l'impianto è ben realizzato, riesce a tenerti attaccato allo schermo con un buon ritmo, a farti appassionare ai personaggi e ad incuriosirti. Ben bilanciate poi le dosi di orrore, i momenti di tensione non mancano ma non sono mai opprimenti grazie a situazione più leggere e divertenti. I personaggi sono poi spesso ben caratterizati ed interpretati, Ichabod su tutti grazie ad un Tom Mison che fa dannatamente bene il suo lavoro.
Questa seconda stagione però non è priva di difetti e la cosa che più mi ha disturbato è stata la terrificante gestione del personaggio di Katrina, non sono uno di quelli che critica il passaggio al lato oscuro della moglie di Crane, anzi, quello che proprio non concepisco è il come. L'idea che Katrina, dopo decenni di purgatorio, catapultata nel presente, e con le vicende del figlio, finisca per impazzire fino a diventare uno dei cattivi la trovo molto interessante e con un potenziale enorme, peccato che questo potenziale sia stato totalmente sprecato. Katrina durante la prima parte della seconda stagione si rivela un personaggio interessante e fondamentale, porta avanti un pericolosissimo doppio gioco ed ogni tanto instilla qualche dubbio su che parte stia veramente prendendo, combattuta tra l'amore per il marito e quello per il figlio. Dopo la sconfitta di Henry e Moloch viene però inspiegabilmente parcheggiata in un limbo, compare solo in poche scene con un atteggiamento che indispettisce e sembra costruito apposta per renderla antipatica al pubblico, una cosa che non fa altro che far capire su dove si voglia far finire il personaggio. Quando finalmente viene estratta dalla naftalina nel giro di una puntata e mezzo passa al male, diventa una strega potentissima, torna nel passato per cambiare il corso della storia e... viene sconfitta in pochi minuti! Sono l'unico a pensare che gli eventi degli ultimi episodi avrebbero dovuto essere spalmati su una mezza stagione? E che quella mezza stagione sarebbe potuta essere interessantissima? L'unica giustificazione che posso trovare e che si sia deciso di non rinnovare lo show per una terza stagione e si sia compattato il tutto per dare una chiusura col botto, ci potrebbe stare, se invece così non fosse, al momento non si sa se ci sarà o no una terza stagione, si sarebbe sprecato un gran personaggio ed un enorme potenziale e ci si troverebbe con una nuova stagione da inventare. Con Henry e Katrina morti ed Irving ritornato nella squadra dei buoni ci vorrebbe necessariamente un nuovo cattivo all'altezza, vedremo.

INFORMATIVA

Questo sito NON fa uso di cookies di profilazione, ma utilizza cookies di terze parti (social share e google analytics).
Cliccando su “accedi al sito” si presta il consenso all’utilizzo dei cookies di terze parti.