One Big Happy stagione 1

Solo sei puntate e poi subito la cancellazione, la commedia di Ellen DeGeneres è stato un fallimento totale e anche la visione non è stata di quelle da ricordare. Poco da salvare a parte qualche risata strappata qua e là. Mi raccomando, se decidete di proseguire, attenzione agli spoiler che potrebbero esserci, siete avvisati!

La serie racconta le vicente di un triangolo tutto particolare, Luke e Lizzy sono amici da sempre e coinquilini, lei è gay e lui etero e si sono promessi che se a trent'anni non avranno ancora avuto figli li faranno assieme. Proprio quando il piano va in porto, e Lizzy è incinta, Luke conosce Prudence, se ne innamora e deve sposarla subito per evitare che lei venga espulsa dagli Stati Uniti. I personaggi sono abbastanza delle macchiette e, soprattutto Luke, non sembra per niente riuscito, la comicità poi è scarna e fatta di battute confezionate apposta per strappare la risata ma che non risultano taglienti o interessanti. Forse il personaggio meglio riuscito è quello di Prudence che Kelly Brook interpreta con disinvoltura e leggerezza. Onestamente la serie non spicca particolarmente ma vista anche la durata dei singoli episodi si fa guardare e strappa qualche risata poi, dopo soli sei episodi, si scopre che è già tutto finito e che la serie, salvo ripescaggi da parte di qualche altra emittente, è stata cancellata.
Difficile a questo punto dare un giudizio serio perchè gli episodi sono troppo pochi e con una stagione troncata così non si può sapere cosa sarebbe successo, non gli si è nemmeno dato il tempo per prendere un pò le misure. Ma non lo sapremo mai e resterà una delle tante commedie che ogni anno in america vengono ordinate e quasi mai vedono la seconda stagione e, anzi, spesso vengono troncate anche prima, come appunto One Big Happy. Come se anzichè pianificare qualcosa si buttassero fuori serie a nastro sperando di imbroccarne una giusta e segandole subito se non raggiungono gli ascolti che ci si aspetta... insomma il modo migliore per creare prodotti di qualità.
Poi fra qualche anno queste emittenti si lamenteranno ed inizieranno a fare casino perchè Netflix e compagnia gli avranno "rubato" il lavoro... chissà perchè!

INFORMATIVA

Questo sito NON fa uso di cookies di profilazione, ma utilizza cookies di terze parti (social share e google analytics).
Cliccando su “accedi al sito” si presta il consenso all’utilizzo dei cookies di terze parti.